Che cos'è l'integrazione delle applicazioni?

Ultimo aggiornamento 7 luglio 2023
8 minuti di lettura

Nel 2021, Okta ha riferito che le aziende utilizzano in media 175 applicazioni. in media 175 applicazioni, con le aziende del settore tecnologico che ne hanno distribuite di più (55 in media).

Sebbene le aziende comprendano la necessità di collegare le app tra loro, i processi di integrazione delle app sono tutt'altro che perfetti. Infatti, il 95% delle aziende intervistate da Vanson Bourne ha dichiarato che i propri processi di integrazione devono ancora essere migliorati.

Queste sfide di integrazione non sono un problema da poco. Creano dei silos di dati che ostacolano la produttività e l'esperienza dei clienti.

La risposta a questi problemi? Utilizzare una piattaforma no-code per automatizzare l'integrazione delle applicazioni in modo che chiunque possa collegare le applicazioni, risparmiando tempo e denaro. È possibile controllare facilmente la dispersione delle applicazioni, condividere le informazioni tra i vari reparti e automatizzare il flusso di lavoro, dando ai team più tempo per concentrarsi su ciò che conta di più: una migliore esperienza del cliente.

Che cos'è l'integrazione delle applicazioni?

L'integrazione delle applicazioni È un processo in cui due o più applicazioni o sistemi software vengono collegati in modo da poter lavorare insieme in modo nuovo. Aiuta i team a lavorare in modo efficiente automatizzando i flussi di lavoro e i processi aziendali e sincronizzando i dati tra gli strumenti.

Per integrare le applicazioni, le aziende utilizzano spesso interfacce di programmazione delle applicazioni (API) o connettori che consentono alle applicazioni on-premises e/o cloud di "parlare" e condividere i dati.

Esempi di integrazione di applicazioni

L'integrazione delle applicazioni può supportare diversi casi d'uso che possono offrire vantaggi tangibili in diversi settori.

  • Le banche possono integrare i conti dei clienti e i servizi di prestito con le loro applicazioni di back-end, come i sistemi ERP e di gestione del rischio, e offrire prestiti ai clienti in modo digitale.
  • Negli ospedali, l'integrazione delle applicazioni può collegare i dati dei pazienti in un portale per i pazienti con un sistema di cartelle cliniche elettroniche dei fornitori di assistenza sanitaria attuali e precedenti, in modo che gli operatori possano accedere facilmente alle informazioni di cui hanno bisogno.
  • I produttori possono collegare i dispositivi IoT utilizzati per monitorare le linee di produzione ad altri sistemi, come le app per la supply chain o i sistemi che controllano l'ambiente di fabbrica, per identificare i problemi di produzione e trovare modi più efficienti ed economici per creare i prodotti.
  • I rivenditori possono collegare i sistemi di e-commerce con i sistemi di inventario back-end, in modo che gli utenti finali possano ottenere informazioni in tempo reale sui vari articoli. Inoltre, una volta che l'utente effettua un ordine, l'integrazione con i sistemi di supply chain e i partner logistici esterni può garantire l'orchestrazione per evadere gli ordini dei clienti in modo tempestivo.

Vantaggi dell'integrazione delle applicazioni

L'integrazione delle applicazioni può fornire vantaggi sia organizzativi che operativi.

  • Collaborazione efficiente: L'integrazione delle applicazioni fa sì che i dati delle varie app siano sempre sincronizzati e creino un'unica fonte di verità, garantendo a tutti un accesso rapido ai dati aggiornati necessari per collaborare tra i vari team. 
  • Automazione dei processi: L'integrazione delle applicazioni aziendali consente di creare flussi di lavoro per semplificare e automatizzare i processi. Ad esempio, le aziende possono integrare il CRM (customer relationship management) di Salesforce con una piattaforma di email marketing per fornire messaggi mirati e pertinenti in base all'intento dell'acquirente o alle informazioni demografiche. I risultati della campagna possono poi essere inseriti in un sistema ERP (pianificazione delle risorse aziendali), in modo che le aziende possano investire saggiamente le risorse in base all'efficacia della campagna.
  • Accelerare la trasformazione digitale: L'integrazione delle applicazioni consente all'organizzazione di adottare le migliori applicazioni per specifiche funzioni aziendali, sia che si tratti di applicazioni web personalizzate, di applicazioni SaaS off-the-shelf o di applicazioni on-premise. Garantisce agli utenti finali un'esperienza d'uso ottimale, in modo da poter immettere più rapidamente sul mercato prodotti e servizi.
  • Individuare opportunità e sfide: Con una migliore visibilità dei dati, è possibile lavorare in modo proattivo su nuove opportunità o sfide. Ad esempio, è possibile raccogliere i dati dei clienti da vari sistemi, come ERP, CRM e Support, in un data warehouse cloud per identificare le opportunità di upsell e i rischi di churn. Questo approccio porta anche a una migliore gestione delle informazioni, aiutando leader e manager a prendere decisioni più intelligenti.

Come funziona l'integrazione delle applicazioni? 3 metodi diversi

Le app possono essere integrate in diversi modi:

Integrazione punto-punto richiede un codice personalizzato per collegare due applicazioni, e per scriverlo si possono usare diversi linguaggi di codifica. Ma il P2P è valido solo quando l'ambito dell'integrazione è poco esteso e quando le integrazioni da creare sono poche.

Le aziende che hanno processi aziendali complessi e gestiscono grandi volumi di dati preferiscono uno strumento per gestire la complessa architettura di integrazione.

Gli ESB erano molto popolari tra le aziende con esigenze IT complesse. Un ESB è un'architettura, ovvero un insieme di regole per collegare le applicazioni su un'infrastruttura simile a un bus. In teoria, l'ESB ha il potenziale per standardizzare l'integrazione delle applicazioni, aiutando gli sviluppatori a dedicare meno tempo all'integrazione e più al miglioramento delle applicazioni. È inoltre possibile riutilizzare le integrazioni in nuovi progetti, il che significa maggiori risparmi e produttività.

Ma gli ESB non funzionano per tutte le organizzazioni. Spesso sono visti come il collo di bottiglia, perché gli aggiornamenti del middleware ESB possono avere un impatto sulle integrazioni esistenti e le modifiche a un'integrazione possono destabilizzare le altre.

Sebbene la maggior parte di questi metodi abbia i suoi pro e i suoi contro, l'integrazione manuale è diventata troppo lenta per tenere il passo con le esigenze dell'azienda.

L'integrazione è diventata sempre più complessa, poiché la maggior parte delle aziende dispone di sistemi legacy, applicazioni on-premises e applicazioni basate su cloud che devono essere collegate.

Le applicazioni aziendali SaaS si aggiornano da sole, il che significa che anche le integrazioni manuali devono essere aggiornate. Le limitate risorse di sviluppo dell'IT non hanno il tempo di monitorare e mantenere le integrazioni manuali.

Le imprese moderne scelgono quindi un iPaaS come soluzione preferita per l'integrazione delle applicazioni. Un iPaaS consente la scalabilità per un numero illimitato di integrazioni. Invece di perdere tempo a capire le sfumature delle API per ogni applicazione, gli specialisti dell'integrazione o gli integratori ad hoc possono semplicemente configurare i connettori per leggere/scrivere i dati da/verso diverse applicazioni. Consente di connettersi facilmente a set di dati basati su cloud in applicazioni SaaS e cloud pubblici con sistemi ERP on-premise e applicazioni personalizzate. Automatizza il processo di integrazione, consentendo a chiunque di dedicare più tempo alle iniziative strategiche invece che ai lunghi processi manuali. Fornisce inoltre un'interfaccia low-code/no-code che consente a chiunque sia autorizzato a creare e gestire pipeline di integrazione e flussi di lavoro che migliorano rapidamente i risultati.

Il giusto iPaaS per l'integrazione delle applicazioni

Utilizzando connettori precostituiti, modelli e un'interfaccia intuitiva drag-and-drop (low-code/no-code), le migliori soluzioni iPaaS rendono le integrazioni semplici, facili e veloci. Le integrazioni possono trasferire i dati in tempo reale, il che significa che tutti i membri dell'azienda possono agire su dati accurati.

Inoltre, un iPaaS come SnapLogic gestisce non solo l'integrazione delle applicazioni aziendali (EAI), ma anche l'integrazione dei dati.

Mentre l'integrazione dei dati non è la stessa cosa dell'integrazione delle applicazioniè utile disporre di uno strumento in grado di svolgere entrambe le funzioni. Grazie alla riconciliazione dei dati, dei flussi e dei formati dei dati, le aziende possono prendere decisioni informate da un'unica fonte di verità dei dati.

Quando le aziende implementano iniziative di modernizzazione, migliorare il modo in cui gestiscono l'integrazione delle applicazioni è fondamentale per assicurarsi di poter partecipare al vasto ecosistema di applicazioni e servizi che oggi alimentano il business. L'ottimizzazione dell'integrazione migliora le operazioni aziendali e consente alle imprese di soddisfare le aspettative dei clienti in un mondo in rapida evoluzione.

Automatizzate l'integrazione delle vostre app senza pagare di più o scrivere più codice con SnapLogic oggi stesso.

SnapLogic è il leader dell'integrazione generativa.
Categoria: Integrazione aziendale
Pipeline di SnapLogic Snaps per l'integrazione delle applicazioni

Stiamo assumendo!

Scoprite la vostra prossima grande opportunità di carriera.